Andrea Di Grazia – Foggia grande occasione per il talento catanese in cerca del rilancio

Sul gong della sessione estiva del calciomercato 2021-22, il Foggia piazza il colpo finale e dopo il rinnovo di capitan Alessio Curcio, mette a segno un altro colpo che assicura al reparto avanzato rossonero un’alternativa di valore.

Arriva agli ordini di Zeman Andrea Di Grazia, in prestito per una stagione (con diritto di riscatto) dal Pescara.

Nato a Catania nel 1996, Di Grazia è cresciuto nel settore giovanile della società etnea, dove è rimasto fino alla stagione 2018-19, vissuta da separato in casa ai margini della squadra, a causa di divergenze con i vertici societari in merito al rinnovo del contratto.

Nel corso della sua esperienza catanese, una parentesi felice rappresentata dal prestito all’Akragas, dove nel semestre gennaio-giugno 2016 riesce a racimolare 17 presenze, 4 gol e 2 assist, confermando quanto di buono fatto intravedere nella Primavera del Catania.

La sua esperienza nella prima squadra del Catania parte proprio dal suo ritorno dal prestito all’Akragas, nelle due stagioni successive Di Grazia scende in campo 68 volte, mettendo a segno 11 reti e 9 assist.

Poi la rottura, come detto, con la società guidata da Lo Monaco, che lo porta a trascorrere una stagione fuori rosa, prima del passaggio nel 2019-20 al Pescara in Serie B.

In Abruzzo Di Grazia non riesce mai a sfondare, vivendo una stagione e mezza tra alti e bassi e vedendo il campo solo in 14 occasioni (1 gol e 2 assist), fino al prestito dello scorso gennaio all’Arezzo dove riesce a scendere in campo 11 volte, mettendo a segno una rete, regalando con un colpo di testa al 96esimo il pareggio sul campo del Legnago.

Pavone riesce a mettere a disposizione di Zeman un esterno d’attacco che predilige giocare sul versante sinistro del tridente offensivo, per tagliare verso il centro e sfruttare il suo destro per la conclusione o l’assist smarcante.

Tra le principali caratteristiche di Di Grazia, ci sono senz’altro la rapidità in campo aperto e l’abilità nel saltare l’avversario, che unite ad un’apprezzabile tecnica di base, potrebbero fare del folletto catanese l’arma in più di questa squadra, soprattutto per scardinare le difese più compatte.

Nel video qui sotto, la partita che probabilmente rimarrà scolpita per sempre nella mente di Di Grazia. Catania-Messina 3 a 1, stagione 2016-17, con Di Grazia autentico mattatore dell’incontro, che grazie alla tripletta messa a segno, mise in mostra tutte le sue abilità principali: