IVECO BUS riprende la produzione in Italia di autobus green: sarà coinvolta anche la sede di Foggia

IVECO BUS annuncia l’intenzione di riavviare la produzione di autobus in Italia: sarà avviata negli altri stabilimenti del Gruppo già dedicati alla produzione di IVECO BUS e sarà poi trasferita a Foggia. Nello stabilimento di Foggia si arricchirà di ulteriore tecnologia con sistemi a propulsione alternativa e celle a idrogeno.

I veicoli saranno basati su tecnologie all’avanguardia, comprese quelle legate all’elettrico e all’idrogeno. Il progetto avrà un impatto positivo sullo sviluppo del filiera associata alla transizione ecologica del trasporto pubblico, all’acquisizione di nuove tecnologie e del know-how per il Paese, con ricadute positive per l’occupazione nelle aree interessate. Iveco Group comunica che il progetto sarà realizzato con i finanziamenti dell Piano nazionale per la ripresa e la resilienza (PNRR).

In particolare, è allo studio l’ampliamento delle attività di ingegneria e di produzione di batterie elettriche per gli stabilimenti piemontesi, mentre l’azienda sta valutando l’installazione di nuove linee per l’assemblaggio finale di veicoli ad alta tecnologia a emissioni zero (Battery Electric Vehicles ‒ BEV , e Veicoli Elettrici Fuel Cell ‒ FCEV) e autobus a basse emissioni (metano/biometano e diesel/biodiesel di ultima generazione) a Foggia. In breve, la produzione iniziale di questi nuovi autobus sarà avviata negli altri stabilimenti del Gruppo già dedicati alla produzione di IVECO BUS. Sarà poi trasferita a Foggia e qui si arricchirà di ulteriore tecnologia con sistemi a propulsione alternativa e celle a idrogeno.

Domenico Nucera, Presidente della Business Unit Bus di Iveco Group, ha dichiarato: “Siamo convinti che la nostra proposta è valida e siamo felici di annunciarla oggi. Fiduciosi che venga accettato, questo progetto ci consentirà di sviluppare nuove competenze, contribuire allo sviluppo economico del Paese e svolgere un ruolo di primo piano nel processo di rinnovamento della flotta italiana per il trasporto pubblico locale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.