Giornate d’autunno FAI: cosa visitare e come prenotarsi?

Domani 16 e domenica 17 ottobre proposte di tutte le Delegazioni e Gruppi FAI, oltre 600 luoghi solitamente inaccessibili oppure poco noti in 300 città d’Italia: palazzi, ville, chiese, castelli, aree archeologiche, musei e siti militari ma anche itinerari naturalistici in centinaia di luoghi solitamente inaccessibili oppure poco noti e bisognosi di valorizzazione in tutta Italia, nel pieno rispetto delle norme di sicurezza sanitaria. La prenotazione online consigliata perché i posti sono limitati.

Gli appuntamenti a Foggia

  • In provincia di Foggia c’è Stornara che propone il festival di street art Stramurales, nato dall’idea di un gruppo di amici unitisi nell’associazione Stornara life aps, con l’intento di portare arte nel paese di Stornara, senza attrazioni turistiche e con pochi residui storico artistici. Muri grigi trasformati in opere d’arte, tanto da attirare le attenzioni di tutta la stampa nazionale, compresa la rete ammiraglia ed il Tg1. La scelta del direttore artistico Lino Lombardi è stata da subito quella di chiamare a Stornara artisti famosi in Italia e nel mondo ed oggi questo borgo è diventato luogo d’interesse e richiamo turistico notevole.

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI A STORNARA?

Attualmente, dopo la quarta edizione dell’ agosto 2021 che si è arricchita di altri interessanti eventi, Stornara possiede circa 80 murales. Tra i nomi della street art mondiale possiamo citare Stinkfish, Zabou, Bastardilla, Dale Grimshaw, Colectivo Licuado ,Manomatic, Toni Espinar, Alaniz , Emily Ding, Braga Last1 , Leticia Mandragora ecc. Tra i nomi italiani notissimi : Moby Dick , Gods in Love, Cheko’s art, Bifido , Kris Rizek ,Ericailcane ecc Sempre più turisti arrivano da ogni parte di Italia a visitare i murales. Stornara si trova, tra l’altro, su un tratto del percorso della via Francigena e sono numerosi i pellegrini che sostano davanti ai murales.Il borgo è stato inserito tra i 20 paesi italiani con i murales più interessanti. I visitatori delle GFA potranno visitare questo museo a cielo aperto in un percorso guidato da preparate guide locali.

PRENOTAZIONI QUI

  • Sui Monti Dauni, invece, sarà possibile visitare Roseto Valfortore, dove nel prossimo weekend sarà aperto l’antico mulino ed il museo naturalistico.

Dettagli

ORARIO

Sabato: 10:30 – 13:00 / 15:30 – 18:00

Domenica: 10:30 – 13:00 / 15:30 – 18:00

NOTE PER LA VISITA

Il turno delle ore 16:30 di sabato 16 ottobre prevede la visita ai Mulini, con laboratorio di arte bianca presso forno a paglia con cottura pizza/pane.

Il turno delle ore 16:30 di domenica 17 ottobre prevede la visita al Museo Naturalistico, con laboratorio sensoriale presso Negozio di Comunità a cura di Attilio Olivieri.Punto di incontro in Piazza Mercato

COSA SCOPRIRETE DURANTE LE GIORNATE FAI A ROSETO?

Roseto rientra appieno nel progetto ALPE, lanciato dal FAI nazionale per promuovere i borghi superiori ai 600 m.slm. Guide messe a disposizione dall’Amministrazione Comunale e Apprendisti Ciceroni accompagneranno i visitatori in un percorso di visita che mostrerà le caratteristiche del paese dichiarato uno dei borghi più belli d’Italia. Diversi saranno i punti interessanti, dalla struttura urbanistica, alla chiesa Madre( al suo interno, degni di nota sono la magnifica acquasantiera del 1598, i due altari in marmo nel Cappellone e le tre statue lignee dello scultore partenopeo Francesco Saverio Citarelli), al palazzo baronale, a palazzi gentilizi uno dei quali presenta in facciata due interessanti bassorilievi , probabilmente coperchi di sarcofago, al caratteristico Arco della Terra. A breve distanza sarà possibile visitare il mulino ad acqua, unico sopravvissuto dei tanti che un tempo erano presenti in zona. Al suo interno, il Museo di Arte antica, di taglio etnografico. Sarà possibile degustare i prodotti tipici, quali il miele e i tartufi

PRENOTAZIONI QUI

Per ogni ulteriore informazione accedere al sito del Fondo Ambiente Italia

(Visualizzazioni 65, di cui 1 oggi)