Le Pagelle di Foggia-Turris. Zemanlandia è tornata? Forse sì, nel bene e nel male questo è il Foggia

Inizia con Foggia-Turris una nuova rubrica settimanale curata dalla redazione sportiva di Mitico Channel, che si divertirà a “giudicare” la squadra del Foggia dopo ogni partita. La pagella finale risulterà dalla media aritmetica dei voti che ciascuno di noi avrà dato al singolo calciatore e all’allenatore Zdenek Zeman. Una pagella rapida e veloce che sarà compilata contestualmente da tutti i partecipanti senza che il giudizio dell’uno possa influenzare quello dell’altro. E se vi piace l’idea, non è detto che più in là non si deciderà di estendere l’iniziativa anche ai nostri lettori e spettatori sul web che tifano Foggia.

Quanto alla gara appena conclusasi, abbiamo visto una partita dai due volti. Il primo tempo in cui il Foggia non è mai pervenuto se non per un tiro in porta di Curcio, parato facilmente dall’estremo difensore dei Corallini. Giusto il vantaggio della squadra ospite per 1-0 alla fine dei primi 45 minuti. La seconda frazione di gioco, invece, in cui i Satanelli sono entrati in campo più concentrati e determinati, anche grazie ai cambi voluti da Mister Zeman. E quando sembrava che il vento potesse cambiare, proprio nel momento migliore del Foggia è arrivato il raddoppio degli avversari, cinici ad insaccare in rete di fronte ad una difesa inerme e addormentata. Oggi non ha girato bene il centrocampo, soprattutto nel primo tempo.

Migliore in campo? Nessuno. Si è salvato il solo Alastra, nonostante i due goal subiti. I migliori stavano sugli spalti, quei tifosi instancabili che hanno sostenuto la squadra dall’inizio alla fine.

Ecco, quindi, cosa è venuto fuori stasera dalla redazione di Mitico.

(Visualizzazioni 505, di cui 1 oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.