Palermo – Foggia finisce 1-0: Valenti lancia i rosanero che ora sono a -1 dai satanelli

Una lunga attesa e tanto rammarico. Il Calcio Foggia 1920 è tornato finalmente a giocare e lo ha fatto nella sfida di recupero contro il Palermo dell’ex rossonero Giacomo Filippi. Una partita aspettata con ansia e trepidazione, il cui risultato ha accontentato solo i padroni di casa. Il Palermo incomincia subito a spingere forte. Al 23’’ del primo minuto di gioco, Floriano ingaggia un’azione personale ed esplode un destro a giro dal limite dell’area: Fumagalli vola ma la palla esce di un soffio. Passano i minuti, ma sono i rosanero a comandare il gioco. Al 13’ però, Pelagotti si esalta contrastando un rasoterra di Vitale, sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Pericolo se si ripresenterà sulla punizione di Curcio al 23’. Grande destro a giro che supera la barriera ed ancora un miracolo di Pelagotti che devia in angolo. I rossoneri prendono coraggio e ci riprovano con il loro capocannoniere al 25’. Un rimpallo scaturito da uno scontro in area, permette al n° 10 di scagliare un mancino preciso al volo, ma Pelagotti è attento. La partita si sviluppa su una buona intensità e al 37’ arriva la parata clamorosa di Fumagalli sulla deviazione di Luperini e che si ripeterà sul tiro deviato di Floriano al 41’. Il primo tempo finisce in sostanziale equilibrio, ma nella ripresa il Palermo incomincia a venir fuori. Al 46’ i rosanero ripartono in campo aperto con Rauti, il quale cade a terra dopo un tocco di mano di Gavazzi sulla sua spalla. Giallo per il capitano e punizione dal limite. Sugli sviluppi del calcio piazzato, l’attaccante rosanero spara alto da ottima posizione. Al 49’ arriva un’occasione per il Foggia con Rocca. Il centrocampista colpisce maldestramente il pallone con il mancino, il quale si spegne lentamente sul fondo e con Pelagotti battuto. Ma il Palermo continua ad attaccare. Al 57’ i rosanero ribaltano un contropiede del Foggia ed entrano in area con Floriano. Il quale riesce a scagliare un destro violento, ma prontamente intercettato dalla difesa. Al 59’ Valente mette in area un pallone insidiosissimo: Kanoute non riesce nella deviazione decisiva. La partita incomincia a mostrare i primi segni di stanchezza, soprattutto in casa Foggia. Al 71’ Odjer casca in area sull’intervento di Gavazzi, ma l’arbitro non interviene e lascia giocare. Dopo due minuti, De Rose scaglia un bolide verso Fumagalli, il portiere è attento e respinge il pericolo. Il Gol è nell’aria ed arriva all’81’. Un Floriano incontenibile, serve Valente tutto solo al limite dell’area, l’esterno si porta la palla sul destro e scaglia un missile alle spalle di Fumagalli. I minuti finali sono di marca rosanero. Il Foggia prova a cercare il giusto varco anche nel recupero (5’) ma i padroni di casa sono concentrati e determinati.

La partita termina 1-0 e in casa Foggia resta solo tanto rammarico. La lunga attesa è stata interrotta da una sconfitta dolorosa, ma non del tutto preoccupante. I ragazzi di Marchionni sono stati in grado di sfoggiare una buona prestazione, nonostante le difficoltà vissute. La distanza tra le due compagini ora è minima: un solo punto. Il gol di Valente, oltre ad aver consegnato la vittoria al Palermo, ha interrotto la serie di risultati utili consecutivi, ottenuti fino alla scorsa gara con la Viterbese. Un dato che non deve assumere altro valore, che non quello statistico.

È appena incominciato un altro campionato e la sfida contro il Monopoli potrebbe già raccontare un’altra storia.

(Visualizzazioni 77, di cui 1 oggi)