Palermo – Foggia: uno scontro playoff ed una partita che non si giocherà

Una sfida nella sfida, questo doveva essere la partita tra Palermo e Foggia.

Uno scontro diretto per i playoff, ma anche Lorenzo Lucca contro Alessio Curcio: una gara decisiva per uomini decisivi. Invece no, il giovane attaccante rosanero, si è infortunato proprio nell’ultima sfida persa contro il Monopoli. Una distorsione al ginocchio sinistro, che ha cancellato le fantasie su quello che sarebbe potuto essere, ma che invece non sarà. Poco male, se provassimo ad entrare nella mente dei tifosi rossoneri e dello stesso Marco Marchionni. Anche perché, il giovane attaccante piemontese, ha dimostrato di essere un giocatore decisivo per la sua squadra ed una vera spina nel fianco per gli avversari. 13 gol in 27 partite ed un elevato tasso di incisività, nell’economia generale del gruppo di Giacomo Filippi. Il quale invece, si trova ora davanti ad un’emergenza in termini di gol, pressoché totale. Lucca infatti, nel corso della stagione, ha segnato quasi la metà dei gol raccolti dall’intero reparto d’attacco (25 dei 35 totali), trascinando il gruppo nelle fasi complicate della stagione.

Lodi e meriti che appartengono naturalmente, anche allo stesso Curcio. L’attaccante beneventano ha segnato 11 delle 33 reti complessive del Foggia, in 26 gare disputate. Numeri importanti, che acquisiscono un ulteriore valore, andando ad analizzare quelle messe a segno dell’intero attacco rossonero (20). Insomma, la caratteristica che lega questi due giocatori, sembra una sola: l’incisività. Una peculiarità che contraddistingue i giocatori di talento, ma che non sarà termine di confronto tra i due bomber italiani, almeno in questa gara. La sfida infatti, non si fermerà qui, ma durerà per le restanti partite del campionato. 

L’assenza dell’attaccante rosanero, potrebbe essere una variabile decisiva nella corsa ai playoff. Questo metterebbe in seria difficoltà la squadra dell’ex rossonero Filippi, chiamato a trovare soluzioni alternative.

Un tema che interessa anche lo stesso Foggia, soprattutto per mantenere il Palermo a debita distanza in classifica. In tal senso, lo scontro diretto di mercoledì, potrebbe essere lo spartiacque dell’intera stagione. Il pareggio interno dei rosanero contro la Vibonese, ha ridotto a 4 punti la distanza dallo stesso Foggia.

Un distacco minimo che, in questo momento, assumerebbe un peso specifico di tutt’altro valore. Ancora una volta l’incisività, diventa una variabile determinante. Le due squadre sono chiamate a sfruttare ogni possibilità e potenzialità. Caratteristiche che risiedono nei giocatori decisivi come Lucca e Curcio ma non solo. Due atleti sicuramente differenti, ma che parlano la stessa lingua: quella del gol. Insomma due storie diverse e con un finale ancora tutto da scrivere. Quello che racconteranno le ultime gare di campionato, non è facile da pronosticare.

La posta in palio è alta ed ora bisogna cercare di raccogliere i frutti di un lavoro sfiancante. Allo stadio “Barbera” i due bomber non si affronteranno, ma sicuramente lotteranno con ogni mezzo a disposizione, per raggiungere quello che oggi è diventato l’obiettivo da centrare a tutti i costi: i playoff.

(Visualizzazioni 3.440, di cui 1 oggi)